Scopri l’arcano (se hai voglia)

In questa parabola e relativo commento dell’autore, qui (<–leggi please), si può usare come caso studio per definire la differenza interpretativa tra gli insegnamenti provenienti da Maestri spirituali veri o presunti.

La questione non è di lana caprina, non è per mostrar muscoli, ma casomai per mostrare come si possa ingannare la gente (consciamente o inconsciamente).

Di solito si dice della televisione che è troppo forte e propaga il messaggio dagli occhi direttamente al cuore, senza passare per la comprensione, ma perché leggere no?


Se hai letto, dunque, avrai accettato o meno le indicazioni di tal David Godman.

Se non hai letto, lascia perdere, continua pure con Facebook.com o Twitter.com o YouTube.com o LuiPirla.it

Di seguito ciò che ne ho ricavato io, beneficiando dell’insegnamento da me ricevuto.


I dieci personaggi sono chiamati sciocchi, ed in parte lo sono, ma non perché sono limitati (come asserisce David), ma perché si sono fatti limitare da uno sconosciuto, uno che non era dei loro a cui hanno prestato fede (attenzione alle parole).

I dieci a turno non contavano se stessi perché (nella simbologia della storia) essi non hanno Ego, cioè non si identificano come separati dal resto del gruppo. Di fatto questo, simbolicamente parlando, rappresenta il motivo per cui non siamo in grado di vedere il nostro volto, se non specchiandoci [in uno specchio o negli altri].

Il numero di 10 persone, di fatto, non è casuale, ma per mostrare che 1 è l’identificazione del gruppo e del tutto (Allah/Dio/Buddah/BigBang) e Zero il livello delle persone che sono umili tanto da non contarsi ma contano gli altri, infatti il numero rimanente è 9 che rappresenta da una parte il numero massimo raggiungibile prima di tornare all’Uno (ovvero la perfetta perfezione animico/spirituale, Adamo con Eva, Anima ed Intelletto) e dall’altra il numero che contiene tutti gli altri numeri.

Sono sciocchi perché dopo aver passato il guado d’acqua, che simboleggia le prove da passare nel corso della vita e l’acqua rappresenta la memoria ma anche la conoscenza e la vita al tempo stesso, si affidano e quindi si fanno toccare (da Satana) da uno sconosciuto, permettono ad uno che non è al loro livello di immischiarsi, di fatto quello che ottengono è l’ego, così come mostra la Parabola di Adamo ed Eva che si affidano ad un serpentaccio anziché a Dio stesso e quindi cadono in Terra ovvero nell’ignoranza (vedi albero dell’ignoranza).


Perché dico che ci sono Maestri o presunti tali? Perché il presunto maestro, non ha conoscenza approfondita del Se e spesso tanto meno vogliono lottare contro il proprio ego, ma altresì lo riforniscono di ogni inutile ed inglorioso cibo (vedi TV spazzatura, letture inutili o disattente, immagini (s)piacevoli, musica ipnotica, odori e sapori golosi), così non sanno e anzi malguidano (anche se loro non vorrebbero) .

12 commenti

  1. Sii ciò che sei curato da David Godman è uno dei miei libri preferiti in materia!
    Per quanto mi riguarda impossibile da seguire, ma pieno di spunti interessanti da fare propri!

    • No, no racconta molto, perché di questi tizi ce ne è a badilate, e ne hanno cresciuti di figli dei fiori che poi si sono riversati in politica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...