una Storia (un Re)

C’erano una volta molti Re,

E fino a quando i sudditi erano a loro amici, i Re rimasero a protegger le mura,

Uno regna non due ne mille!

Ma, un po’ alla volta un’oscuro malanno avvolse tutti i regni,

I sudditi iniziarono così a bere da un pozzo d’acqua che si diceva miracolosa

Ma non così i Re, che potevano attingere alla loro tradizionale fonte.

I sudditi, in conseguenza di ciò, impazzirono, ma non così i loro Re

E di tanti Regni e di tanti Re, ne rimasero pochi, poi uno soltanto.

Questo Re era saggio e ricco, sano di mente, ma debole di cuore.

Assecondò il volere del popolo e fece scendere le mura

Comprò ferro e legno ed il regno abbellí

Condivise conoscenza e sapere, anche se sapeva che a l’asino vestito da cavallo rimane il raglio

Un giorno udì urla e tremori, si erse dal patio e gran sommossa egli scorse

Guerra, grande e violenta perveniva da oriente ed occidente

Le belle case erano oramai indifese, il fuoco così le prese

Di lì a poco, vide fame e malarie e nelle suddite guance grande livore

Il suo cuore si strinse che manca poco del tutto si stinse

Oh, poveri miei sudditi, cosa faRe…

Ma d’un tratto un’ineluttabile Verde gli apparve, in tutta Maestà egli disse:

Dunque, oh Re, perché attorniato da dame e giullari

Da olii e sapori, gioielli ed ori, guardi nei borghi e ti rattristi?

Forse non sai che son soccorsi? c’è Chi porta loro giusta pariglia.

Aspettando il Mahdi

Ognuno ha scelto, vano è il loro lamento

Scuotono e percuotono il loro d’orgoglio

Ma ben sanno che la via della propria crazia hanno scelto

Ciò che accade è ciò che per loro è meglio.

Non guardare, perché ciò non ti appartiene.


Nota personale : questa storia è liberamente rivisitata da me ma tratta da una storia che si tramanda nell’ordine Sufi Naqshbandi a partire dal Gran Sheikh Abdullah al Faizi ad-Daghstani (di cui raccomando lettura di parte della sua biografia qui).

Il Verde, che ho introdotto io nella storia, è il nome con cui è anche conosciuto il Khidr, l’immortale, il quale ha conoscenze che spaziano nell’invisibile, cioè che vede ciò che è celato alla vista degli uomini (per ogni realtà manifesta ve ne è una inmanifesta).

Quindi il Verde mostra al Re di un regno manifesto, che le azioni dei sudditi sono contrarie al loro ruolo, per cui se chiedono REsponsabilità debbono subirne le relative conseguenze.

La democrazia è un abile trucco degli ignobili tiranni che ci governano di nascosto, che muovono fili (ed onde a bassa frequenza) per manipolare la nostra mente (con risultati efficaci, leggete qui ad esempio). Sono anche coloro che hanno manipolato la storia, facendo credere quel che a loro piace. Così oggi il Re è il male ed il banchiere governa i sudditi che ragliano e credono di avere potere.

Viva il Re

15 commenti

    • C’è la demoniocrazia oppure il ritorno al Regno.
      Ma come ho scritto, chi ha demonizzato i regni sono gli stessi che li hanno usurpati, basta vedere il disegno parti da lontano. Come minimo quando i prussiano scoprirono il carteggio tra massoni che volevano spodestare il delfino di Francia. Lo scoprirono grazie ad un provvidenziale fulmine che bruciò un postino ma non la sua posta.
      Quelli erano coloro che chiamiamo illuminati anche poi connessi a quelli del panfilo Britannia, che era ancorato a Genova 😉

      • Bhe qualcosa ci deve pur essere, nella mia breve storia (tutta democratica) vedendo che non ha mai funzionato e che è un sistema corruttibilissimo e falso, propendo per la Monarchia, teoricamente se c’è uno solo che comanda non dovrebbe scendere a patti o non più di tanto, sicuramente non con dei sudditi (ciò che oggi rappresenta il male assoluto di ogni governo).
        Devo dire comunque che ho trasceso nella mia storia, in realtà il fine della stessa era evidenziare che ognuno di noi si prriccupa troppo di quello che accade ad altri, perché non vede e sa cosa c’è sotto.

      • Avrei capito per un illuminato, non certo per un re, visto tutti i re dementi che hanno attraversato la storia, altro che corruzione, popolo alla fame e loro a ballare a corte. meglio la finta democrazia.

      • Punti di vista. Però ripeto, la storia dei re è scritta dai democratici, può darsi qualche distorsione ci sia.

      • Tutte quelle che vuoi, peccato che nel mondo è ancora pieno di re e di dittatori soprattutto nel mondo islamico e se noi stiamo male loro stanno 100 volte peggio di noi.
        Almeno io e te possiamo dire quello che ci pare, soprattutto te.

      • Permettimi una domanda retorica, chiediti chi ci informa di ciò che succede nei territori islamici? La risposta ti porterà quantomeno a dubitare.
        Però se intendi territori islamici l’Arabia degli Al-Saud, o il Qatar, UAE, allora sono d’accordo, perché questi che governano sono islamici di nome ma non di fatto (non è segreta l’amicizia con USraele). In Iran, dove il primo Komeini fu messo su da un colpo di stato ad i danni di un Re molto ben considerato, furono gli stessi USraele, cosi allo stesso modo misero su Saddam. Oggi le cose sono diverse, ma devi considerare che ci sono frange estreme ovunque.
        In Italia un certo Doddore Meloni non poteva dire proprio tutto quello che voleva, così è per chi parla di Napolitano e dei suoi intrighi prima di Falcone e Borsellino, in Germania e Austria se parli di storia recente, cioè del nazismo, c’è galera per legge, se metti in discussione la Shoa vieni fatto nero, se dici la verità sulle fosse ardeatine o Portella delle Ginestre o sul trattato sui mafiosi che gli Americani imposero all’Italia o su molte altre vicende come il Britannia, bhe la libertà viene messa in discussione, si le donne da noi possono andare in giro mezze nude o nude in televisione, questa è liberta, ma non la mia che devo sospendere la visione totalmente perché non c’è più limite all’osceno. Si possiamo difendere il nostro sistema e attaccare quello altrui, ma dovremmo prima avere delle informazioni sicure, non date dai nemici di quei paesi.
        Di una cosa oramai sono convinto, che quel che conosciamo di storia e tutto falso, tranne qualche sparuta verità per confonderci.
        Ti ho consigliato un link l’altra volta, se hai tempo dagli un occhiata, vedrai che su molte cose rimarrai stupefatto.

      • Su uno sono andato, sull’altro non esce nulla, mi sono dimenticato di dirtelo.
        Tu lo stai scrivendo e nessuno ti manda in galera.
        Credo che tu dica molte giuste, soprattutto sulle verità negare.
        La tua soluzione finale non mi piace.
        Io sono un anti statunitense convinto da sempre.

      • La mia vera soluzione ti piacerebbe ancor meno, ma non perché è brutta ma perché vediamo le cose da angolazioni differenti.
        Comunque non sono radicale, è solo la mia opinione.

  1. E’ il bello del mondo poter dialogare anche con chi non la pensa come te.
    E’ chiaro, non essendo credente non mi affiderei mai ai testi sacri, a meno che Dio non venga personalmente prima da me a rassicurarmi. (la vedo dura )
    Il primo sito che mi hai dato non dava proprio niente.
    Il secondo diceva cose che in realtà avevo già sentito.
    La storia è fatta così Nerone ha bruciato Roma. Tutti gli storici sanno che non è vero, molti l’hanno detto, e alla fine se chi chiedi, Nerone ha bruciato Roma ti risponderanno.
    La storia la scrivono i vincitori, così ho letto e così credo che sia .

    • Si è così, non vuol dire che dobbiamo fare come quegli storici che sanno ma dicono altro.
      Il primo sito credo fosse pocobello.blogspot.com ma il secondo dove te lo scrissi?
      Dio, che è energia, non può non venire da te perché esso è parte della tua manifestazione, cioè la creazione è fatta con la sua luce, quindi nulla gli sfugge, il punto è al contrario, sei tu che hai la possibilità di scoprirlo. Purtroppo devo dire (perchè vedo) che non molti riescono a dedurre questa cosa, e per esperienza personale so che il credo è estremamente difficile, soprattutto in questa era dove il materialismo è importante, ma non si sa mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...