Oh Uomo, ma di che mota sei fatto? 1/n

Creammo l’uomo da argilla secca, di mota impastata.

[Ricorda] quando il tuo Signore disse agli angeli: “Creerò un essere umano con l’argilla.
Dopo che l’avrò ben formato e avrò soffiato in lui del Mio Spirito, gettatevi in prosternazione davanti a lui”.

Solitamente quando si tende ad analizzare l’essere umano, si considerano i seguenti 3 aspetti:

  • il Corpo
  • l’Anima
  • lo Spirito (o Mente)

Di fatto la suddivisione è corretta, perché sono le 3 entità specifiche facilmente riconoscibili e scindibili dell’uomo.

Eppure la scienza e la religione ci suggeriscono di guardare oltre all’apparenza.

La scienza proietta la sua idea di un corpo come un corpo materico ma composto di atomi di pura energia, e quindi di natura elettromagnetica, ergo in fine il corpo non è altro che una aggregazione di atomi di energia che compongono un aspetto unico e riconoscibile per ogni uomo, e l’energia non occupa spazio ne è in relazione con il tempo.

Anche la religione, anche nella sua conoscenza più comune, interviene sul dubitare della composizione del corpo:

Torah Genesi 2. 23 Allora l’uomo disse:
«Questa volta* essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa.
La si chiamerà donna
perché dall’uomo è stata tolta».
24 Per questo l’uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne. 25 Ora tutti e due erano nudi, l’uomo e sua moglie, ma non ne provavano vergogna.

Torah Genesi 3. 6 Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò**. 7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

In questi 2 passi (benché non si possa escludere siano macchiati dalle mani degli Scribi e di cui analizziamo il testo in lingua tradotta ed adattata) si concepisce l’unione dell’uomo e della donna, ma non come un connubio di 2 persone distinte, ma come 2 entità distinte, ovvero la donna (Eva) che rappresenta il corpo e quindi tende alla materia, ovvero il frutto di cui si auspica il mangiarlo, e l’uomo (Adamo) che altresì rappresenta l’inalito divino che dà vita al corpo d’argilla, non a caso [prima di mangiare il frutto] dice “i due saranno una sola carne” e dice ancor meglio “erano nudi, ma non ne provarono vergogna”, come a sottolineare che la nudità non era visibile, mentre la cosa cambia diametralmente quando i due mangiano il frutto e si accorgono della loro nudità e quindi ne provano vergogna (escono dall’eden nascosto, il paradiso, entrano in quello terrestre, la Terra).

Questa indicazione arriva più manifestamente dal Corano che dice:

Egli è Colui Che vi ha creati da un solo individuo (la parola tradotta con individuo è nafs ovvero anima), e che da esso ha tratto la sua sposa (dalla nafs ha tratta la donna, ovvero una parte dell’ego ovvero la parte fisica, il corpo) affinché [l’uomo] riposasse presso di lei…

-Sura Al-A’raf, Ayah 189

[Egli è] Colui Che della terra ha fatto un letto (la terra, come appunto è l’argilla, è chiaro segno di riposo) e del cielo un edificio…

-Sura Al-Baqarah, Ayah 22

Fa parte dei Suoi segni l’aver creato da voi, per voi, delle spose, affinché riposiate presso di loro, e ha stabilito tra voi amore e tenerezza. Ecco davvero dei segni per coloro che riflettono.

-Sura Ar-Rum, Ayah 21

Il che ci porta dritti a considerare che Adamo, lo spirito, era unito ad Eva, il corpo come fosse un solo essere, un unico Uomo.

Resta evidente qui che il corpo ha una sua capacità intellettiva, una sua mente in grado di decidere sul cosa fare o quantomeno su cosa suggerire di fare, visto che è l’uomo (ovvero Adamo, lo spirito divino) ad avere la responsabilità il comando (come per millenni la storia ci ha mostrato, tranne in questo ultimo periodo di inversione dei valori).

Riepilogando abbiamo una indicazione della scienza che indica il corpo come materia visibile, ma non realmente solida vista la natura elettromagnetica della materia e la religione che indica il corpo di Adamo come una entità eterica non manifesta se non dopo il “peccato” (peccato o caduta nell’illusione dell’ambito della materia).

Il che ci porta a concepire il corpo come una parte dell’anima.

il che porterebbe a cambiare la visione dell’uomo in

  • Spirito
  • Anima

Dove però entrambi manifestano una capacità mentale, di ragionamento, ovvero entrambi hanno l’intelletto [ed ovviamente entrambi hanno Cuore].

Cosa cambia questo dal punto di vista concettuale?

Il cambiamento è profondo, in quanto scompare la parte materiale dell’uomo che nel piano terrestre si manifesta evidentemente come una pia illusione (una matrice di archetipi, memorie, nozioni), ovvero il corpo, che altresì è ricompresa in quella che chiamiamo Anima, che è manifestazione divina ed immortale e che è necessaria all’uomo come funzione di “riposo” [meditativo] e di mezzo di contrasto alla parte di puro intelletto o amore platonico di Dio, di cui si nutre lo spirito intellettivo, e di conseguenza se il Corpo è l’Anima (una parte di essa) è evidente che scompare del tutto il concetto darwiniano di evoluzione, ma altresì compare meglio il concetto di evoluzione spirituale ed animica, dove il cambiamento di pensiero, l’evoluzione intellettiva, la migliore capacità di comprensione della realtà [e del Re], si manifestano con i cambiamenti anche del corpo, quei cambiamenti che in natura si manifestano ad esempio nell’acqua (esempio non peregrino, in quanto siamo da essa composti al 70%) che modificando la vibrazione energetica (o calore) può variare dallo stato solido 3D come il ghiaccio, allo stato liquido 2D fino allo stato incorporeo che è il vapore 1D e viceversa.

Dunque Eva ed Adamo sono 2 manifestazioni dell’unico Uomo.

Cosi come gli elettroni sono una manifestazione separata dal protone ma che assieme [se in moto] formano l’Atomo visibile o altrimenti l’Atomo invisibile o antimaterico.

Altra considerazione importante è la relatività e condizionamento che il corpo riceve dallo stato psichico, ovvero il cambiamento della psiche ha immediato riflesso sulla parte animica del corpo, per cui disturbare la psiche significa rovinare il corpo, i due non sono scissi come invece oggi l’uomo tende a insegnare (in particolare gli arconti oncologi).

Della terra un riposo. E nella grotta giace in attesa della Luce!

Note a pié pagina:

* Nel passo biblico di genesi, dice “questa volta”, co e a riferirsi ad una volta successiva. A mio avviso sta indicando il momento di fuoriuscita dall’eden spirituale.

* e anch’egli ne mangiò … a mio avviso indica la conseguenza del mangiare del corpo, ovvero Adamo riceve il cibo sotto un’altra forma dopo che Eva lo ha ingurgitato. Il cibo ha un carattere proteico/materiale, ed un carattere energetico/spirituale.

Annunci

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...